Donne protagoniste
del caregiving
formale in RSA

Donne protagoniste
del caregiving
formale in RSA

-

Fondazione Onda fa luce sul tema dell’assistenza all’anziano, sempre più declinata al femminile e ancora più stringente ai tempi di COVID-19, offrendo un quadro delle peculiarità e delle problematiche legate al caregiving in RSA con la sensibilità, l’esperienza e le iniziative della Fondazione e dei “suoi” Bollini Rosa/Argento

Breve premessa: Fondazione Onda e RSA Fondazione Onda ha rivolto la sua attenzione al mondo delle RSA nel 2016, avviando il progetto Bollini RosaArgento (www.bollinirosargento. it). Questa scelta ha preso le mosse dal panorama demografico italiano caratterizzato da un inesorabile invecchiamento della popolazione e dalla connotazione fortemente al femminile del mondo sanitario-assistenziale dedicato agli anziani, a partire dalle RSA dove oltre il 75% degli ospiti sono donne. Inoltre, sono spesso le donne che in famiglia affrontano la difficile scelta della struttura dove ricoverare il proprio caro anziano e che prendono contatto con i servizi di informazione e accoglienza. E ancora una volta, sono le donne le principali risorse umane che lavorano nelle RSA a tutti i livelli aziendali; la donna assume, infatti, un ruolo attivo nella cura e nell’assistenza degli ospiti in qualità di personale sanitario, di case manager e a livello gestionale, nella direzione della struttura stessa. L’esperienza maturata in questo campo è dunque recente ma ci ha permesso di mettere a fuoco le peculiarità che connotano il mondo delle RSA e suoi protagonisti, rappresentati da ospiti, famiglie e personale. Questo contributo è dedicato in particolare alle figure professionali delle RSA. Da parte nostra possiamo offrire alcuni spunti, formulati secondo la nostra prospettiva che certamente non è quella degli esperti di settore e che nasce dalla sensibilità maturata in tema di assistenza all’anziano che ha, in tutti gli ambiti a partire da quello familiare, una connotazione al femminile. E questi spunti non possiamo che declinarli in questa triste pagina della storia del nostro Paese in cui l’epidemia COVID- 19 ha colpito duramente tutti, anche gli oltre 300 mila anziani ospiti in più di 7 mila strutture residenziali su tutto il territorio nazionale e il personale che vi opera.

Confronta gli annunci

Confrontare
Nicoletta Orthmann
  • Nicoletta Orthmann