Umanità (che resiste) oltre il distanziamento

Marta Murari , Giulia Mecca

“[…] Era il 2018, ero stato ricoverato presso una Casa di Riposo, non potevo tornare a casa mia tra i miei affetti perché nessuno poteva prendersi cura di me, mi ritrovavo in un luogo che non riconoscevo come casa, non ne aveva le caratteristiche, niente era mio, niente suscitava dei ricordi, niente aveva un valore che non fosse oggettivo; ero fortunato perché almeno il paese era il mio, a volte venivano a trovarmi parenti e amici, più per cortesia che per affetto, solo Luigi veniva tutti i giorni a giocare a carte con me, era un appuntamento fisso, la giornata trascorreva attorno a questo momento del pomeriggio […].

Il terapista occupazionale lavora a stretto contatto con i pazienti e pertanto in questi mesi è stato interessato direttamente dalle nuove esigenze di distanziamento imposte dal COVID-19. In questo approfondimento ecco la loro preziosa testimonianza: cosa significa lavorare in equilibrio tra esigenze di sicurezza e (immutati) elementi umani del percorso di assistenza?

Mi sentivo solo ma avevo le mie abitudini, il giornale al mattino, la televisione, le chiacchiere con gli altri ospiti, il pranzo, la ginnastica, la partita a carte con Luigi, le visite al sabato… Sopravvivevo! […] Poi è arrivato questo maledetto… Ho paura!” Estratto da una chiacchierata con Mario, 75 anni. Mario è ricoverato presso una RSA, da tre settimane non può ricevere visite ed è fortunato la lungimiranza della direzione lo ha preservato forse dal contagio ma la sua situazione è surreale, dalle poche visite precedenti al totale isolamento, da un giorno all’altro senza preavviso senza troppe spiegazioni perché l’emergenza non concede il tempo per fermarsi e spiegare a chi magari necessita di più tempo per capire.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

Integrità e professionalità, i risultati di una survey

La mancanza di integrità nel mondo della salute è un problema che porta a danni maggiori rispetto ad altri settori della società...

La tecnologia per superare il distanziamento

Nell’ambito delle misure adottate dal Governo per il contenimento e la gestione dell’emergenza, che stiamo vivendo in queste settimane, c’è anche quella...

Scompenso cardiaco, non trascuriamo le priorità

L’innovazione tecnologica, abbinata al progredire della conoscenza scientifica in campo medico, ha portato a una migliorata capacità di trattamento degli stati acuti...

Occhi puntati sulle RSA

Qual è il ruolo delle RSA in questa emergenza Covid-19? L’evolversi della situazione epidemiologica da COVID-19, in queste settimane ha drammaticamente messo...

MY NEWSROOM

Controllare e gestire ferie e permessi

La gestione del personale ricopre per l’azienda un ruolo importante, specialmente se questa opera nel settore socio- sanitario. Il costo del lavoro...

Un’innovazione concentrata sul futuro dello scenario socio sanitario

Lo sguardo di CBA Group In Italia assistiamo a un grande fermento nel settore socio sanitario: la popolazione invecchia sempre più, contemporaneamente...

Protezione dati e privacy in RSA

In seguito alle nuove disposizioni europee in ambito di privacy, la Regione Lombardia abbandona i sistemi SOSIA WEB e CDI WEB, nati...

Non preoccuparti della comunicazione web!

Raggiungi i tuoi clienti ovunque con il tuo sito web!