Alzheimer e Parkinson, le potenzialità dell’A.I.

Avatar
Vincenzo Canonico
Responsabile dell’Unità di Valutazione Alzheimer, Cattedra di Geriatria dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II

La malattia di Alzheimer rappresenta la più frequente patologia neurodegenerativa ed è responsabile del 60% delle demenze. La prevalenza della malattia aumenta con l’età e raggiunge il 15-20% nei soggetti di oltre 80 anni. A tutt’oggi non esistono esami di laboratorio o test che consentono di porre diagnosi di certezza di malattia di Alzheimer. È possibile porre una diagnosi solo mediante l’esame autoptico post mortem del tessuto cerebrale, con il quale si possono individuare le placche senili e i tangles neurofibrillari, caratteristici della malattia. Infatti gli studi più recenti hanno dimostrato che la malattia è causata dall’accumulo nel cervello di due proteine neurotossiche, la beta amiloide e i gomitoli/grovigli neurofibrillari.

La lotta all’Alzheimer e al Parkinson punta sull’intelligenza artificiale e sull’analisi della scrittura, che consentirà una diagnosi precoce, rapida e totalmente indolore delle principali malattie neurodegenerative legate all’età. È allo studio una soluzione tecnologica, a basso costo, che fornisce a medici e strutture sanitarie uno strumento in più per affrontare la malattia fin dal suo esordio

Attualmente per porre diagnosi di malattia di Alzheimer si utilizzano test psicometrici e procedure diagnostiche finalizzate a escludere altre possibili cause di demenza. In presenza di un soggetto con sintomi di demenza deve essere eseguito un esame clinico completo, accompagnato da una dettagliata anamnesi personale e famigliare. Il paziente, quando vi è l’indicazione, viene sottoposto a una serie di test neuropsicologici per valutare la memoria, le capacità linguistiche e altre funzioni inerenti la sfera cognitiva. Di grande ausilio risulta la diagnostica per immagini per evidenziare l’atrofia cerebrale, riscontrabile sia nelle fasi iniziali che nelle fasi finali della malattia.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

Cure appropriate per il paziente emofiliaco

In un grave momento di emergenza nazionale dovuta alla diffusione del coronavirus, la Federazione delle Associazioni Emofilici (FedEmo) lancia un appello: “I...

In Italia mancano (e mancheranno) medici

In Italia si laureano circa 10.000 medici laureati ogni anno, ma ad accoglierli ci sono soltanto 7.000 contratti nelle scuole di specialità....

Un supporto per la gestione dello stress

In una condizione di emergenza come quella in corso causata dall’epidemia di Coronavirus tutte le persone, di qualunque età, di ogni ceto...

L’Intelligenza Artificiale, una nuova ‘era’ dell’assistenza

Secondo la banca dati Ocse 2019 che conferma il dato del Rapporto Health at a Glance: Europe 2018, in Italia il numero...

MY NEWSROOM

RSA e innovazione tecnologica: verso nuovi modelli di assistenza

Il modello assistenziale in ambito sociosanitario sta vivendo una profonda trasformazione la cui evoluzione è stata ancor...

Parkinson e assistenza post Covid

“Quest’anno bisognerà considerare non solo ciò che dobbiamo ancora fare per garantire l’assistenza migliore ai nostri pazienti, spesso anche giovani, ma dovremo...

Business Intelligence: un UNICO strumento per conoscere la tua struttura sanitaria

In questi anni la sanità privata si è avvicinata sempre più alla tecnologia e al digitale per...

Controllare e gestire ferie e permessi

La gestione del personale ricopre per l’azienda un ruolo importante, specialmente se questa opera nel settore socio- sanitario. Il costo del lavoro...