Numeri e servizi della Regione Puglia

Circa 870 mila. Questo, stando all’ultimo censimento, sarebbe il numero degli over 65enni risiedenti in Puglia. Un numero certamente significativo per una fascia di età cui la Regione, da anni, riserva una particolare attenzione. Come di consueto, prima di dedicarci ai contenuti del nostro corso RS100 Strutture, ci soffermiamo sugli sforzi messi in campo dalla Regione ospitante a favore della popolazione ‘over’. Partiamo da quanto posto in essere lo scorso maggio. È di sei mesi fa, infatti, l’approvazione della legge regionale sull’invecchiamento attivo. Il Consiglio regionale della Puglia ha infatti approvato all’unanimità la proposta di Cgil, Cisl e Uil e dei sindacati unitari dei pensionati varando uno strumento normativo in favore degli anziani e delle famiglie pugliesi il cui articolo 1, sancisce che la Regione Puglia “riconosce e valorizza il ruolo delle persone anziane”. Un segnale importante che, al di là dei numeri, alimenta un impegno che la Regione porta avanti con convinzione.

Il nostro percorso formativo fa tappa in Puglia, dove proporremo un interessante corso sul tema del superamento della contenzione. Come sempre, prima di affidarci ai nostri esperti, vediamo i numeri, i servizi e le iniziative che la Regione mette a disposizione per anziani e disabili non autosufficienti

Ecco le iniziative più recenti. Buoni servizio Partiamo con il dire che lo scorso 1 ottobre ha preso il via la IV annualità operativa (2019/2020) dei Buoni Servizio per anziani e persone con Disabilità, di cui all’Avviso Pubblico n. 1/2017 a valere su PO FSE 2014/2020 – Linea d’azione 9.7. L’annualità, come consueto, si concluderà il 30 settembre 2020.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!