Express delivery and free returns within 21 days

SCOPRI LA CAMPAGNA ABBONAMENTI 2020

|

CONTATTACI ORA 06/66013885

L’approccio capacitante

Il potenziale effetto benefico dell’esercizio fisico sulle capacità funzionali e cognitive del paziente affetto da demenza è un tema molto dibattuto in ambito riabilitativo geriatrico. Se fino a pochi decenni fa la demenza e la non completa capacità collaborativa del paziente risultavano un limite assoluto all’approccio fisioterapico, oggi le nuove evidenze in letteratura (seppur ancora esigue) e l’aumento esponenziale di patologie croniche degenerative come la demenza, impongono ulteriori riflessioni e approfondimenti sul tema. La maggior parte degli studi in letteratura ci porta infatti a considerare ormai come dato dimostrato che l’esercizio fisico si associ oltre che a un miglioramento della performance fisica, anche a un rallentamento del declino cognitivo; non sono ancora chiare però le modalità con cui l’attività fisica vada proposta: quale attività?

Numerosi studi in letteratura indicano che l’esercizio fisico ha un impatto (positivo) sui pazienti affetti da demenza tale da rallentarne il declino cognitivo. Per entrare nel merito di questo assunto vi proponiamo oggi un interessante approfondimento a cura della dott.ssa Federica Faoro

Quanta attività? Con che frequenza? Un altro interrogativo cui non abbiamo ancora trovato risposta supportata da evidenze è come proporre l’esercizio al paziente demente e ottenere il massimo della collaborazione possibile, al fine di ottenere un intervento efficace, senza rinunciare alla possibilità di riabilitare catalogando il paziente come “non collaborante”.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

“Viva!”: la settimana della rianimazione cardiopolmonare

Quando una persona è colpita da arresto cardiaco (AC) le sue possibilità di sopravvivenza dipendono da chi gli è accanto. L’assenza di...

Che giorno è oggi? Racconto di un’esperienza

Declinare i concetti di persona-ambiente-occupazioni in un Centro Servizi per anziani è oltremodo complesso, perché il fare dell’uno influisce in maniera continua,...

L’Ai e l’Alzheimer

È di questi giorni la notizia di una sperimentazione avviata dall’Istituto San Giovanni Di Dio Fatebenefratelli di Genzano (Roma) e Igea PharmaNV,...

Monitorare i costi del personale

Quando si parla di controllo di gestione e costi aziendali, è fondamentale il focus sugli indicatori delle risorse umane, in particolar modo...

MY NEWSROOM

Monitorare i costi del personale

Quando si parla di controllo di gestione e costi aziendali, è fondamentale il focus sugli indicatori delle risorse umane, in particolar modo...

Le soluzioni Arjo per la demenza, basare le cure sul corpo e sulla mente

Oggi quasi 50 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di demenza e questa condizione colpisce...

Alimentazione e incontinenza

L’alimentazione incide notevolmente sull’incontinenza urinaria. Diversi studi hanno dimostrato come il miglioramento delle abitudini alimentari e la riduzione del peso corporeo riducano...

Progetti innovativi e sviluppo consapevole

Competenza, solidità e storicità ecco le peculiarità di CBA Group, la software house trentina che oggi annovera oltre 130 collaboratori, un investimento...