L’approccio capacitante

ANNA MARIA FOGGETTI , Sara Dal Ben , Federica Faoro

Il potenziale effetto benefico dell’esercizio fisico sulle capacità funzionali e cognitive del paziente affetto da demenza è un tema molto dibattuto in ambito riabilitativo geriatrico. Se fino a pochi decenni fa la demenza e la non completa capacità collaborativa del paziente risultavano un limite assoluto all’approccio fisioterapico, oggi le nuove evidenze in letteratura (seppur ancora esigue) e l’aumento esponenziale di patologie croniche degenerative come la demenza, impongono ulteriori riflessioni e approfondimenti sul tema. La maggior parte degli studi in letteratura ci porta infatti a considerare ormai come dato dimostrato che l’esercizio fisico si associ oltre che a un miglioramento della performance fisica, anche a un rallentamento del declino cognitivo; non sono ancora chiare però le modalità con cui l’attività fisica vada proposta: quale attività?

Numerosi studi in letteratura indicano che l’esercizio fisico ha un impatto (positivo) sui pazienti affetti da demenza tale da rallentarne il declino cognitivo. Per entrare nel merito di questo assunto vi proponiamo oggi un interessante approfondimento a cura della dott.ssa Federica Faoro

Quanta attività? Con che frequenza? Un altro interrogativo cui non abbiamo ancora trovato risposta supportata da evidenze è come proporre l’esercizio al paziente demente e ottenere il massimo della collaborazione possibile, al fine di ottenere un intervento efficace, senza rinunciare alla possibilità di riabilitare catalogando il paziente come “non collaborante”.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

Quando la tecnologia è intelligente

La start-up italiana TeiaCare ha annunciato di aver raccolto 1.1 milioni di euro di fondi con l’aiuto del network EIT Health per...

Il terapista occupazionale nel progetto riabilitativo

Per definizione la terapia occupazionale, definita anche ergoterapia, e in inglese occupational therapy, è una disciplina riabilitativa che utilizza la valutazione e...

Alzheimer e Parkinson, le potenzialità dell’A.I.

La malattia di Alzheimer rappresenta la più frequente patologia neurodegenerativa ed è responsabile del 60% delle demenze. La prevalenza della malattia aumenta...

Controllare e gestire ferie e permessi

La gestione del personale ricopre per l’azienda un ruolo importante, specialmente se questa opera nel settore socio- sanitario. Il costo del lavoro...

MY NEWSROOM

Controllare e gestire ferie e permessi

La gestione del personale ricopre per l’azienda un ruolo importante, specialmente se questa opera nel settore socio- sanitario. Il costo del lavoro...

Un’innovazione concentrata sul futuro dello scenario socio sanitario

Lo sguardo di CBA Group In Italia assistiamo a un grande fermento nel settore socio sanitario: la popolazione invecchia sempre più, contemporaneamente...

Protezione dati e privacy in RSA

In seguito alle nuove disposizioni europee in ambito di privacy, la Regione Lombardia abbandona i sistemi SOSIA WEB e CDI WEB, nati...

Non preoccuparti della comunicazione web!

Raggiungi i tuoi clienti ovunque con il tuo sito web!