Intervento al femore su paziente di 101 anni

La paziente presentava una frattura al femore, ci descrive la sue condizioni? La paziente si presentava lucida e collaborante, ovviamente molto dolente e impossibilitata a muovere l’arto inferiore destro a causa della frattura del femore. Nel raccogliere l’amanesi, è emerso che la paziente viveva con una badante, ma era abbastanza autonoma in casa e prima della caduta camminava senza problemi e senza bisogno di bastoni o deambulatore. Non aveva nessun problema di salute e non assumeva alcuna terapia domiciliare. Che cos’è la frattura pertrocanterica, quanto è diffuso questo genere di fratture nella popolazione anziana e quali sono le possibili complicanze? La frattura pertrocanterica è una frattura della porzione prossimale del femore, in cui la rima di frattura va dal grande al piccolo trocantere.

Grazie alle tecniche chirurgiche e anestesiologiche applicate dall’ASST Gaetano Pini-CTO, si è conclusa con successo l’operazione al femore di una paziente di 101 anni colpita da una frattura pertocanterica. Seguiamo l’approfondimento del dott. Paronzini, direttore dell’Ortopedia e Traumatologia II dell’ASST Gaetano Pini-CTO

È una delle fratture più tipiche nei soggetti anziani, in cui si verifica anche in seguto a traumi a bassa energia, specialmente in pazienti di sesso femminile a causa della diminuita densità ossea che insorge in seguito alla menopausa. Si stima che la prevalenza di questo tipo di frattura sia intorno all’1,3% nei soggetti di 85 anni, e il trend è in aumento a causa dell’aumento dell’età media della popolazione.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!