Pronti alla sfida con il cambiamento

In quale modo i terapisti occupazionali possono essere coinvolti nella promozione di un’alimentazione sana? Nel 2008, l’American Journal Occupational Therapy (AJOT) ha pubblicato un articolo che illustrava come i servizi di Terapia Occupazionale potrebbero promuovere la salute e occuparsi di Prevenzione primaria (prevenire le malattie croniche prima che ci sia una diagnosi) e secondaria (prevenire, fermare o rallentare la progressione della malattia dopo che è stata diagnosticata). Nell’articolo è spiegato come il terapista occupazionale può lavorare nell’istruzione e nella formazione in merito alle abitudini alimentari, al livello di attività e alla prevenzione delle disabilità secondarie, specialmente con l’obesità. Molti altri studi hanno esplicitato il ruolo del terapista occupazionale nella prevenzione e promozione della salute.

La terapia occupazionale e la promozione di un’alimentazione sana. Nelle pagine che seguono ci addentreremo nel perché potremmo definire fondamentale il ruolo di questo professionista analizzando l’impatto del suo intervento sugli ospiti delle strutture residenziali

Un recente articolo di giornale dello scorso febbraio sul Journal of Environmental Research in Public Health (Morris, Jenkins, 20181) ha confermato quanto sopra riportato. Gli autori hanno affermato che terapisti occupazionali e fisioterapisti, se adeguatamente formati, possono incentivare prevenzione e promozione della salute. La promozione della salute può essere definita come l’applicazione di una varietà di metodi per l’educazione e la mobilitazione dei membri della comunità nelle azioni utili a risolvere problemi di salute inerenti la comunità.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!