Express delivery and free returns within 21 days

SCOPRI LA CAMPAGNA ABBONAMENTI 2020

|

CONTATTACI ORA 06/66013885

Progetto “La forza sia con voi!”

Dato che la sarcopenia è una condizione prognosticamente sfavorevole, ma reversibile, è importante valutarla all’ingresso dell’ospite in RSA. Infatti, la percentuale di soggetti affetti può essere ridotta o la condizione migliorata mediante la realizzazione in un intervento riabilitativo-motorio finalizzato a un recupero funzionale [1], combinato o meno a un’adeguata integrazione alimentare [2-3]. Inoltre, considerata la correlazione fra sarcopenia, BMI (Body Mass Index – Indice d massa corporea, rapporto tra peso, espresso in kg, il quadrato dell’altezza, espressa in m) e rischio di cadute, il miglioramento del pool proteico muscolare e della relativa forza, migliorerebbe la qualità di vita dei residenti, impedendo così l’instaurarsi di condizioni di fragilità e di riduzione dell’autonomia nello svolgimento delle AVQ (attività della vita quotidiana).

Gestire la sarcopenia è un’operazione importante, soprattutto se in riferimento agli ospiti di RSA. In questo approfondimento il nostro esperto, Giorgio Leoni del Gis di AIFI, ne presenta i termini, le cause e le modalità di intervento, concentrandosi su quanto realizzato all’interno della Fondazione A. Poretti e A. Magnani ONLUS di Vedano Olona

Nel 2010 viene pubblicato il report dell’European Working Group on Sarcopenia in Older People (EWGSOP) che descrive cosa sia la sarcopenia (una perdita combinata di massa muscolare scheletrica e della sua funzione) e come debba essere fatta la sua diagnosi [4]. Dalla letteratura sul tema [5-10] si evince che la sarcopenia nel paziente istituzionalizzato è una tematica ancora scarsamente affrontata soprattutto dal punto di vista terapeutico. Lo scopo principale di questo studio è stato di valutare la presenza di sarcopenia all’interno della RSA (Fondazione A. Poretti e A. Magnani ONLUS di Vedano Olona – VA) al giorno 04.01.2016 (fig. 1), al fine di procedere nei soggetti sarcopenici con uno studio di intervento nutrizionale [2- 3] e/o riabilitativo-motorio [11-12]. Materiali e metodi Il presente progetto consta di due fasi.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

“Viva!”: la settimana della rianimazione cardiopolmonare

Quando una persona è colpita da arresto cardiaco (AC) le sue possibilità di sopravvivenza dipendono da chi gli è accanto. L’assenza di...

Che giorno è oggi? Racconto di un’esperienza

Declinare i concetti di persona-ambiente-occupazioni in un Centro Servizi per anziani è oltremodo complesso, perché il fare dell’uno influisce in maniera continua,...

L’Ai e l’Alzheimer

È di questi giorni la notizia di una sperimentazione avviata dall’Istituto San Giovanni Di Dio Fatebenefratelli di Genzano (Roma) e Igea PharmaNV,...

Monitorare i costi del personale

Quando si parla di controllo di gestione e costi aziendali, è fondamentale il focus sugli indicatori delle risorse umane, in particolar modo...

MY NEWSROOM

Monitorare i costi del personale

Quando si parla di controllo di gestione e costi aziendali, è fondamentale il focus sugli indicatori delle risorse umane, in particolar modo...

Le soluzioni Arjo per la demenza, basare le cure sul corpo e sulla mente

Oggi quasi 50 milioni di persone in tutto il mondo soffrono di demenza e questa condizione colpisce...

Alimentazione e incontinenza

L’alimentazione incide notevolmente sull’incontinenza urinaria. Diversi studi hanno dimostrato come il miglioramento delle abitudini alimentari e la riduzione del peso corporeo riducano...

Progetti innovativi e sviluppo consapevole

Competenza, solidità e storicità ecco le peculiarità di CBA Group, la software house trentina che oggi annovera oltre 130 collaboratori, un investimento...