La degenza riabilitativa. Facciamo chiarezza

Pietro Fiore
Pietro Fiore
Presidente SIMFER

La recente sentenza del Consiglio di Stato che ha annullato il decreto ministeriale 70 del 2015, nella parte in cui fissa il numero di posti letto per la neuro-riabilitazione, ha avuto un’importante risonanza mediatica. Al di là del tema specifico, ha portato alla ribalta i temi della rilevanza dell’assistenza riabilitativa, dell’organizzazione delle reti dei servizi riabilitativi a livello nazionale e regionale e della necessità di azioni programmatorie organiche, non settoriali e di lungo respiro, volte al miglior soddisfacimento dei bisogni degli assistiti e delle loro famiglie in tutte le fasi del percorso riabilitativo. La riabilitazione è un settore di rilevanza crescente in ambito sanitario, come riconosciuto anche dall’OMS, che la definisce una “priorità del XXI secolo” per i sistemi sanitari di tutto il mondo. È dimostrato che favorire il recupero delle persone con disabilità, transitoria o permanente, comporta non solo benefici in termini di salute ma anche risparmio di risorse per il sistema sanitario e di welfare, riducendo la necessità di assistenza nel lungo periodo.

Alte specialità riabilitative? Importanti, ma vanno inserite in una rete di servizi per garantire la continuità di presa in carico. In questa analisi il presidente della SIMFER, Pietro Fiore, entra nel merito di una questione complessa: la degenza a scopo riabilitativo. Cos’è? Come funziona? Quali sono le regole in Italia e cosa potremmo fare per migliorarne efficacia e qualità?

Nel nostro Paese, il DM 70/2015 definisce indicatori numerici precisi relativi al numero complessivo di posti letto per l’area della postacuzie che include la riabilitazione (0,7/1000 abitanti, di cui almeno lo 0,2/1000 per la lungodegenza). Definisce inoltre lo standard oggetto della recente sentenza del Consiglio di Stato per i posti letto di neuroriabilitazione (identificati con il codice 75) nella misura dello 0,02/1000. Per un altro settore di cruciale importanza nella rete dei servizi riabilitativi, quello della degenza di riabilitazione intensiva, identificato con il codice 56, il DM non indica parametri numerici, che vengono invece affidati alla programmazione regionale.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

Cure appropriate per il paziente emofiliaco

In un grave momento di emergenza nazionale dovuta alla diffusione del coronavirus, la Federazione delle Associazioni Emofilici (FedEmo) lancia un appello: “I...

In Italia mancano (e mancheranno) medici

In Italia si laureano circa 10.000 medici laureati ogni anno, ma ad accoglierli ci sono soltanto 7.000 contratti nelle scuole di specialità....

Un supporto per la gestione dello stress

In una condizione di emergenza come quella in corso causata dall’epidemia di Coronavirus tutte le persone, di qualunque età, di ogni ceto...

L’Intelligenza Artificiale, una nuova ‘era’ dell’assistenza

Secondo la banca dati Ocse 2019 che conferma il dato del Rapporto Health at a Glance: Europe 2018, in Italia il numero...

MY NEWSROOM

RSA e innovazione tecnologica: verso nuovi modelli di assistenza

Il modello assistenziale in ambito sociosanitario sta vivendo una profonda trasformazione la cui evoluzione è stata ancor...

Parkinson e assistenza post Covid

“Quest’anno bisognerà considerare non solo ciò che dobbiamo ancora fare per garantire l’assistenza migliore ai nostri pazienti, spesso anche giovani, ma dovremo...

Business Intelligence: un UNICO strumento per conoscere la tua struttura sanitaria

In questi anni la sanità privata si è avvicinata sempre più alla tecnologia e al digitale per...

Controllare e gestire ferie e permessi

La gestione del personale ricopre per l’azienda un ruolo importante, specialmente se questa opera nel settore socio- sanitario. Il costo del lavoro...