Alimentazione sana e demenza

Cibo e alimentazione giocano un ruolo importante nel mantenimento della qualità della vita, del piacere e del loro ruolo importante nel mantenimento della salute. Mangiare è molto significativo per tutta la vita di una persona, anche quando ci sembra che la persona “non funzioni affatto”; mangiare è una delle ultime funzioni che vengono conservate. Le persone con demenza incontrano difficoltà nell’alimentazione e nel mangiare, che rappresentano una sfida considerevole per i caregiver. Queste difficoltà appaiono anche nelle prime fasi della malattia, ma peggiorano man mano che progredisce. Affrontare le difficoltà alimentari causa una grande frustrazione per i caregiver primari e richiede una riorganizzazione intorno ai pasti durante il giorno.

L’alimentazione svolge un ruolo fondamentale nel mantenimento della salute di tutti noi, ma assume un valore ancora più rilevante quando parliamo di ospiti delle residenze sanitarie. In questa analisi la dott.ssa Casu, terapista occupazionale, entra nel merito del perché

In considerazione di ciò, è emersa la necessità di fornire soluzioni affinché la famiglia e gli operatori sanitari affrontino in modo dignitoso le difficoltà alimentari che caratterizzano le varie fasi della demenza. Allo stesso tempo, è importante che anche gli assistenti si prendano cura della propria salute. A volte il carico è cosi elevato da far dimenticare la cura di sé: non si presti attenzione alla dieta e all’esercizio fisico, e spesso si trascurano ricorrenze familiari e sociali.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!