Tecnologie assistive per gli anziani e per la disabilità

L’invecchiamento della popolazione rappresenta una variabile sociale, demografica ed economica a importanza crescente, a cui gli operatori sanitari e sociosanitari dovranno adeguarsi, tenendo conto delle necessità di questa fetta sempre più numerosa della popolazione, considerando sia i bisogni degli anziani fragili e poco abituati alle tecnologie, sia quelli degli anziani attivi, in buona salute e aperti alle novità e alle possibilità che le tecnologie offrono loro. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce come invecchiamento “attivo” (active ageing) quello caratteristico di anziani che, pur essendo soggetti a un fisiologico decadimento, conservano una capacità funzionale che consente loro una vita autonoma e priva di disabilità importanti.

I progressi fatti nel campo dell’innovazione e della ricerca sono oggi messi al servizio di un invecchiamento attivo e dinamico. In questo approfondimento il presidente SIMFER, Pietro Fiore, e la dott.ssa Silvia Galeri fanno il punto sulle possibilità che la moderna tecnologia mette oggi a disposizione

I pilastri dell’“active ageing” vengono abitualmente definiti a livello internazionale: la garanzia di adeguati servizi sociali e sanitari, la partecipazione alla vita comunitaria, e la sicurezza dell’affermazione dei propri diritti. A fronte di uno sviluppo tecnologico che mette a disposizione delle persone con disabilità strumenti sempre più potenti per il recupero funzionale e per l’autonomia personale, l’organizzazione dei servizi socio-sanitari ha necessità di inserire l’opportunità offerta dalla tecnologia nei propri processi. Interventi che dovrebbero essere per propria natura sinergici e coordinati, come la fornitura degli ausili, le opere di miglioramento dell’accessibilità dell’ambiente di vita e l’assegnazione di assistenza personale, seguono spesso canali normativi e organizzativi diversi, lasciando spesso all’utente l’onere di districarsi, per di più senza la certezza di trovare le competenze adeguate per elaborare risposte efficaci.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!