Quando l’approccio non farmacologico può essere un aiuto

I dati statistici confermano: l’Italia è il paese “più vecchio” d’Europa. Infatti, nel Belpaese, il 21,4% della popolazione è ultrasessantacinquenne, contro la media dell’UE dove gli over 65 sono pari al 18,5%. Non solo: sempre in Italia, ben il 6,5% di questi è ultraottantenne, contro il 5,1% dell’Unione. Dati che fanno da scenario a un’ulteriore casistica: secondo il rapporto Osmed-AIFA, Agenzia del Farmaco, la spesa in medicinali per chi ha più di 64 anni e, in particolare, per gli anziani la cui fascia d’età va dai 75 agli 84 anni dimostra che i senior sono esposti a un alto carico farmacologico: infatti, il 55% dei soggetti assume quotidianamente tra i 5 e i 9 farmaci, mentre il 14% ne assume 10 o più.

La cronicizzazione di molte malattie e l’innalzamento dell’età media espongono fasce sempre più ampie di popolazione a un elevato uso di farmaci. In questo approfondimento entriamo nel merito di come le terapie non farmacologiche possono essere una preziosa risorsa

Una condizione, questa, chiamata politerapia, in continua crescita: sempre secondo l’indagine condotta dal Geriatrics Working Group dell’AIFA, l’11% della popolazione anziana – ovvero quasi 1,3 milioni di persone in Italia – assume più di 10 farmaci al giorno, dando origine a conseguenti situazioni pericolose indotte da un alto rischio di errore, come l’interazione tra i farmaci.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

Articolo precedenteOcchi puntati sul Veneto
Articolo successivoProgetto CloudIA

Integrità e professionalità, i risultati di una survey

La mancanza di integrità nel mondo della salute è un problema che porta a danni maggiori rispetto ad altri settori della società...

La tecnologia per superare il distanziamento

Nell’ambito delle misure adottate dal Governo per il contenimento e la gestione dell’emergenza, che stiamo vivendo in queste settimane, c’è anche quella...

Scompenso cardiaco, non trascuriamo le priorità

L’innovazione tecnologica, abbinata al progredire della conoscenza scientifica in campo medico, ha portato a una migliorata capacità di trattamento degli stati acuti...

Occhi puntati sulle RSA

Qual è il ruolo delle RSA in questa emergenza Covid-19? L’evolversi della situazione epidemiologica da COVID-19, in queste settimane ha drammaticamente messo...

MY NEWSROOM

Controllare e gestire ferie e permessi

La gestione del personale ricopre per l’azienda un ruolo importante, specialmente se questa opera nel settore socio- sanitario. Il costo del lavoro...

Un’innovazione concentrata sul futuro dello scenario socio sanitario

Lo sguardo di CBA Group In Italia assistiamo a un grande fermento nel settore socio sanitario: la popolazione invecchia sempre più, contemporaneamente...

Protezione dati e privacy in RSA

In seguito alle nuove disposizioni europee in ambito di privacy, la Regione Lombardia abbandona i sistemi SOSIA WEB e CDI WEB, nati...

Non preoccuparti della comunicazione web!

Raggiungi i tuoi clienti ovunque con il tuo sito web!