Express delivery and free returns within 21 days

SCOPRI LA CAMPAGNA ABBONAMENTI 2020

|

CONTATTACI ORA 06/66013885

Occhi puntati sul Veneto

L’Italia, complessivamente, invecchia e il Veneto non rappresenta un’eccezione. Questa la fotografia, scattata dai principali istituti statistici (Istat, Eurostat e Ufficio di Statistica del Veneto, ndr), è stata recentemente elaborata dallo Spi Cgil del Veneto che in un’attenta analisi ha poi riportato alcune interessanti osservazioni. Entriamo nel merito partendo dal quadro di insieme: quasi un quarto dei residenti ha più di 65 anni, mentre il 6,5% della popolazione è ultraottantenne. Analizzando il trend degli ultimi dieci anni, il numero di anziani è poi risultato cresciuto di circa il 20% e, proiezioni alla mano, è destinato ad aumentare ancora. Sono numeri emblematici quelli che emergono dall’indagine che lo Spi Cgil del Veneto ma non devono far preoccupare “perché – concludono dal sindacato – gli ultra sessantacinquenni, considerati una fascia debole, possono invece rappresentare una grande risorsa, se accompagnati da politiche adeguate”. Ma vediamo qualche numero.

Il prossimo appuntamento di RS100 Strutture ci vedrà impegnati a Padova. Facciamo allora, come di consueto, una panoramica di come si compone l’universo over 65 del Veneto e quali sono le politiche regionali rivolte alla popolazione anziana

Dall’indagine dello Spi emerge che in Veneto gli ultra sessantacinquenni – i quali sono soggetti a politiche specifiche soprattutto nel campo del Welfare e della Sanità – sono più di un milione (esattamente 1.081.371) e rappresentano il 22,8% della popolazione totale. Rispetto al 2006 si registra un aumento del 19%. Poco meno del 60% degli over 65 è donna. L’indice di invecchiamento – che è definito dal rapporto fra anziani (over 65) e giovanissimi (under 14) – conferma il trend. Nel 2006 ogni 100 giovanissimi c’erano 138 anziani, ora questo rapporto è di 100 under 14 ogni 159 ultra sessantacinquenni.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!