Strategie di invecchiamento attivo

Ci può essere sempre una spinta vitale, quell’azione, quel pensiero che consente a ogni persona, di avere più possibilità, più scelte, più sogni e più obiettivi raggiunti e raggiungibili. Non esiste limite di età per sognare, e non esiste età per realizzare, basta conoscerne la misura (step by step) e ottimizzare il metro di misura, con cui definire aspirazioni e realizzazioni. Ci sono sempre stati “grandi vecchi”, quelle persone di cui si parla nelle riunioni di famiglia, quel nonno, che è passato alla storia per aver arato i suoi campi fino ai 100 anni, persone attive, fisicamente e mentalmente, e nonostante ciò, esiste una grande fetta di persone “sprecate”, nel senso puro del termine, persone inutilizzate, che non sono correttamente impiegate in attività, per loro produttive.

“Moltiplicare” il tempo e renderlo di qualità. Questo il cuore del progetto KeyMethod, che vi presentiamo oggi, grazie a questo approfondimento della dott.ssa Alessandra Palieri, e che si propone di promuovere l’invecchiamento attivo attraverso un programma di training specifico

Molti di questi adulti argento, vivono nel contesto familiare, vissuto come grande opportunità, all’interno del quale, trovare motivazione ed essere modello ed esempio per le nuove generazioni, oppure vissuto in modo depressivo, essere accantonati, vivendo una vita latitante, assente, talvolta invisibile. Per cogliere la risorsa di questi grandi adulti, negli ultimi anni si è posta attenzione all’obiettivo, definito “invecchiamento attivo”, ampliamento delle possibilità espressive di ogni individuo.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!