Natura come cura

Marta si emoziona sotto alla chioma del grande cedro dell’Himalaya, i suoi rami penduli, le tracce di una ferita che lambisce il suo tronco, tutta la potenza e la maestosita di un albero che emoziona e stupisce. Una giornata come tante nella quale un gruppo di adulti affetti da disturbo mentale sperimenta un’attivita di ortoterapia.

Lo scopo e quello di proporre esperienze arricchenti e stimolanti rivolte a persone in situazione di svantaggio (utenti psichiatrici, ma non solo)

Gli ingredienti non sono molti: un gruppo di persone in situazione di svantaggio munite di interesse e un’innata intimita nei confronti della natura, uno spazio verde di qualita ricco di bodiversita e fonte di stimoli e un professionista esperto che utilizza l’interazione con la natura come strumento di un programma terapeutico e di riabilitazione concordato con l’equipe inviante. Ed ecco come una passeggiata condotta con una modalita interattiva dove tempi e spazi permettono ai partecipanti di interagire e fornire il proprio contributo, si trasforma in un importante momento di relazione, crescita personale, scambio e condivisione.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!