Express delivery and free returns within 21 days

Il Giardino della Felicità

Avatar
Monica Botta
Architetto paesaggista

Ci racconta qual è il contesto nel quale si trova questo giardino?

Il Giardino della Felicita e all’interno della Residence Service una Casa Residenza che ospita anziani nella citta di Ferrara.

Come è nato il progetto? Quali erano gli input e gli obiettivi da raggiungere? Sono stata chiamata come architetto paesaggista che si occupa in particolar modo di progettazione di healing gardens, a verificare la fattibilita di un giardino di terapia all’interno di questo contesto socio-sanitario. Durante i vari incontri che si sono susseguiti nelle fasi di indagine e progettazione preliminare, ho avuto modo di parlare con i vari referenti del centro. Diverse le riunioni, le richieste e le proposte circa i possibili utilizzi del giardino. Va detto che gli obiettivi di un giardino di terapia sono di tipo terapeutico e che quindi fanno riferimento a un innalzamento della qualita di vita e di conseguenza di benessere delle persone. In particolar modo per questo giardino ci siamo concentrati su obiettivi legati a:

  • incrementare la socializzazione e la privacy;
  • dare spazio ad attivita ludico-ricreative;
  • stimolare i sensi;
  • stimolare attivita di psico-motricita in autonomia;
  • incentivare l’utilizzo dell’area verde;
  • permettere a tutte le utenze di utilizzare il giardino.

Monica Botta, architetto paesaggista esperta di giardini terapeutici, racconta nell’intervista a Residenze Sanitarie il progetto “Il Giardino della Felicità”, realizzato a Ferrara, che supera la sua destinazione originaria di un luogo terapeutico diventando anche uno spazio di aggregazione sociale per la RSA e la comunità cittadina

Quali erano le specifiche esigenze dei degenti, rispetto a patologie, difficoltà motorie, handicap…?

Questa Casa Residenza ospita circa 185 anziani di cui un numero variabile non e autonomo. Indicativamente circa 150 sono allettati o in carrozzina, mentre diversi ospiti si muovono autonomamente o con l’aiuto del deambulatore.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!

Non preoccuparti della comunicazione web!

Raggiungi i tuoi clienti ovunque con il tuo sito web!

Caregiving informale tra stress e resilienza

L’attività di cura e assistenza verso un proprio familiare rappresenta un vero e proprio “lavoro”, unico nel suo genere, nell’ambito del quale...

Una rivoluzione nell’assistenza sanitaria

Assistiamo in Italia a un inesorabile mutamento dello scenario assistenziale, nel quale sempre più evidentemente si rileva l’invecchiamento della popolazione: anziani non...

Igiene: aumentano i casi di infezioni per pazienti ricoverati

In Italia si stimano circa 10.000 casi di decessi all’anno per infezioni resistenti ai comuni antibiotici, pari al doppio delle morti legate...

MY NEWSROOM

Non preoccuparti della comunicazione web!

Raggiungi i tuoi clienti ovunque con il tuo sito web!

Una rivoluzione nell’assistenza sanitaria

Assistiamo in Italia a un inesorabile mutamento dello scenario assistenziale, nel quale sempre più evidentemente si rileva l’invecchiamento della popolazione: anziani non...

L’ozono, un alleato per la salute

All’interno delle strutture di cura, l’insorgenza di patologie e l’aggravarsi delle condizioni di salute degli ospiti più anziani costituiscono le maggiori problematiche....

Monitorare i costi del personale

Quando si parla di controllo di gestione e costi aziendali, è fondamentale il focus sugli indicatori delle risorse umane, in particolar modo...