Il valore (nutritivo) della cucina orientale

La millenaria tradizione culinaria asiatica, esattamente come quella italiana, è costituita da una vasta quantità di ricette, tecniche e materie prime sconosciute in Occidente fino a pochi decenni fa, ma oggi ampiamente reperibili. Concentrandosi sulle cucine orientali più note in Italia, ovvero la cinese, la giapponese e la coreana, il tecnico ed educatore alimentare Andrea Calvo, esperto di ristorazione asiatica, racconta 10 cibi tradizionali analizzandone caratteristiche principali e proprietà nutrizionali.

I benefici della dieta mediterranea non sono in discussione, ma è innegabile che anche in Italia (e a tutte le età) subiamo il fascino della cucina esotica. Ecco quindi una guida ai valori nutritivi di alcuni alimenti tipici della cultura orientale che, scopriremo, possiedono anche ottime qualità terapeutiche

Miso (Giappone) Il miso è un condimento a base di soia gialla, orzo o riso, che viene lasciato fermentare in recipienti di legno per diversi mesi, in alcuni casi anche anni. Assume diverse colorazioni,


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!